Mi presento

Sono una psicologa e psicoterapeuta ad indirizzo cognitivo comportamentale e accompagno le persone nella ricerca di un maggior stato di benessere. Offro consulenze e psicoterapia rivolti ad adulti, minori e Scuole.

Credo di aver deciso di voler diventare una psicologa all’età di 13 anni, al momento della scelta della Scuola Superiore: sono sempre stata affascinata dalle potenzialità della mente umana e al tempo stesso dai limiti che essa stessa si pone. Durante i primi anni di Università ho avuto la certezza di aver fatto la scelta corretta e ho iniziato ad approfondire le mie conoscenze di psicologia dell’età evolutiva e neuropsicologia infantile, pur mantenendo un alto interesse per la psicologia clinica dell’adulto...

 

leggi tutto

Il mio metodo

Offro percorsi di psicoterapia cognitivo comportamentale, un approccio pratico, orientato al presente, tendenzialmente breve ed evidence based. “La salita è dura, ma dall’alto la vista è splendida” riassume la mia idea di psicoterapia: lavorare insieme, anche con fatica, per raggiungere un obiettivo concreto e ben definito... come la cima di una montagna!

insieme possiamo affrontare

Disturbi d’ansia
Depressione
Difficoltà scolastiche
Problemi di coppia
Insonnia

Come posso aiutarti

Uno psicoterapeuta è un po’ come uno scalatore esperto che ti accompagna durante il percorso che scegli di intraprendere. Non si sostituisce a te nella scalata, bensì ti guida affinchè tu possa da solo trovare gli appigli più adatti a te per raggiungere la meta. Così, insieme, possiamo definire i tuoi personali obiettivi e costruire gli strumenti più funzionali per te in questo momento. Puoi scegliere di lavorare insieme a me presso lo studio di Saronno (VA) oppure restare comodamente a casa tua e raggiungermi tramite Skype se chiami dall’Italia o da qualsiasi altra parte del globo!

Approfondimenti

06-11-2020

La scheda ABC

All’interno di un percorso di psicoterapia, uno dei primissimi strumenti che insegno ai miei pazienti ad utilizzare è quello dell’ABC. In gergo analisi funzionale, altro non è che lo strumento che ci insegna a cogliere il collegamento tra una situazione, i nostri contenuti mentali e le conseguenze emotive o comportamentali: ci aiuta a scattare una fotografia del momento stesso in cui arriva un pensiero fastidioso, un’emozione spiacevole o una reazione personale che avremmo voluto evitare.

leggi tutto

21-10-2020

Sette lezioni di panza

Sette lezioni di benessere arrivate dalla mia panza nel corso della gravidanza..soprattutto in queste ultime settimane di presenza ingombrante! Partono da lì dentro e, lo ammetto, ci sono voluti 8 mesi per prenderne consapevolezza. Le condivido con voi perchè spero possano essere utili per quei momenti in cui ci rendiamo conto che il nostro corpo ci sta inviando dei segnali, che siano calci, dolori, tremori o qualsiasi altra sintomatologia fisica o psichica da stress!

izmir odtülüler dershanesi

leggi tutto

07-10-2020

Le emozioni dipendono davvero da ciò che ci accade?

Quando ci accade qualcosa e proviamo un’emozione, soprattutto se spiacevole, è spontaneo pensare che l’evento in sè sia il vero responsabile di come ci sentiamo in quel momento.

È comune, quindi, pensare che un evento possa avere il potere di provocare direttamente un’emozione. Di conseguenza ci convinciamo che per smettere di provare quell’emozione sia necessario modificare le condizioni esterne.

ankara yeminli tercüme

leggi tutto

23-09-2020

Ansia, cosa mi combini?

Una delle domande più gettonate, soprattutto sui social, è “mi capita di sentire questa cosa, sarà dovuto all’ansia?” perchè tendenzialmente siamo abituati a pensare all’ansia come un’emozione che si accompagna solo a tachicardia, senso di oppressione e tensione muscolare.

leggi tutto

09-09-2020

Come inizia l'insonnia?

L’insonnia è sia un sintomo che una patologia e questo confonde un po’ le idee. Sento tantissime persone parlare di insonnia, molte nel modo sbagliato (ed è un bene, perchè si è convinti di avere un disturbo anche quando non è così). Un modello semplice e che spiego anche ai miei pazienti, è il Modello delle 3 P elaborato da Spielmann (1986) e ancora validissimo. Le tre P sono tre classi di fattori che insieme contribuiscono a far precipitare le difficoltà del sonno. Vediamolo insieme!

leggi tutto

15-11-2018

Definisci i tuoi obiettivi

Quando chiedo alle persone di raccontarmi un obiettivo, mi accorgo che molte di queste ne inseguono uno che non può essere raggiunto. Questo non perchè aspirino a qualcosa di inarrivabile, ma semplicemente perchè l’obiettivo non è ben definito. Due esempi che capitano spesso all’inizio di una terapia sono “Sono qui perchè voglio tornare quello/a di prima”, opppure “Vorrei che mi aiutassi a stare bene”.

Forse anche a te è capitato di prefiggerti una di queste due mete, perchè in fondo questi due obiettivi non hanno nulla di strano: sono comunissimi e le persone quasi li pronunciano senza rifletterci.

leggi tutto